domenica 14 dicembre 2008

LA PIENA DEL TEVERE: PONTE MOLLO – PONTE S. ANGELO


Sono a Roma per qualche giorno e non ho saputo resistere dal fare una scappata a vedere il Tevere. E' a poca strada da casa così ci sono andato.
Anche questa volta il vecchio Ponte Mollo come lo chiamano i romani anzicchè Milvio, ha resistito alla violenza dell’ acqua del Tevere. Per chi non lo sapesse questa opera d’arte di ingegneria fu ricostruita intorno alla fine del II sec. A.C. dal censore Emilio Scauro. Poi Garibaldi per fermare i francesi ne fece saltare in aria una parte, ma i quattro archi centrali sono gli originali.
Oggi nei suoi paraggi c’era una gran confusione di gente: fighetti capitolini che ormai stazionano nei bar della piazza h24 , tifosi romanisti per la partita contro il Cagliari, curiosi domenicali per vedere il livello del Tevere e i lucchettari innamorati che ancora oggi ci vanno per suggellare il loro amore . Così sono andato a fotografarmelo tranquillamente da Ponte Flaminio.



LA PIENA DEL TEVERE: PONTE MOLLO – PONTE S. ANGELO
Da ACQUARELLI - Poesie romanesche, di Checco Durante
*PONTE MOLLO*

"Difficilmente il vecchio ponte Milvio potrà resistere alla piena eccezionale".
(dai giornali romani, dicembre 1937)

No... no... se so' sbajati... cascà nun me se vede... come pe' tanti secoli, resto dritto in piede.
Co' tutto che c'è l'acqua che m'è arivata ar collo, li romani ciavranno ancora Ponte Mollo
a cavallo der Tevere che, co' la luna, pare che canti 'na canzona corenno verso er mare.
Lo so, li giornalisti m'aveveno spacciato, ma puro pe' stavorta er cronista ha sbajato,
me la so vista brutta... so' stato in agonia, ho rimpianto pe' un attomo tutta la vita mia.
Quanti ricordi belli!... Quante ne so passate su 'sto povero ponte de coppie innamorate!
...Er primo che arivava de tutti 'sti birboni prima d'ogni antra cosa sfasciava li lampioni.
Nun volevano er gasse, la luce, le fiammelle; pe' trovasse la bocca bastaveno le stelle.
Quante mode diverse!... Prima le polacchette, e poi le veste larghe e poi le veste strette;
ho inteso baci ardenti, risate scrocchiarelle, ma le frasi d'amore erano sempre quelle:
"T'amo!...", "Te vojo bene!...", "Sei l'unico tesoro!...". "Sei l'aria che respiro!...", "Si tu me lassi moro!...".
...E poi, se sa, cor sangue che ardeva ne le vene nun sempre tutto quanto annava a finì bene.
'Na coppia, per esempio, dietro a quell'angoletto misa la prima pietra pe' fabbricà un maschietto.
...Che pianti! Che tormento! Ma poi tutto er cordojo finiva come ar solito, de corsa a Campidojo:
che ognuno nun sognava antro che d'annà a dì, davanti all'assessore, quer benedetto: "si!...".
Quante coppie ho rivisto ripassà dopo tanto con un mucchio de fiji che je trottava accanto!...
Poi cor passà dell'anni, li rivedevo stanchi, magari tutti curvi, co' li capelli bianchi
che, invece de la luna, mo cercaveno er sole, ma ancora se dicevano tante belle parole:
- Ricordi Giggi mio, che belli regazzetti ch'eravamo a vent'anni?...
- Mo semo du' boccetti, ma er core è sempre giovane...
- Ma me voi bene ancora?
- Tanto, tesoro mio... ma tanto come allora.
Ecco l'amore vero... l'amore che po' dà la gioia de vive, la gran felicità...
che po' ridà la forza a n'anima avvilita p'affrontà coraggiosa la lotta co' la vita.
No... no... coppie: venite... e potete sta certe che questo vecchio amico v'aspetta a braccia operte...
v'aspetto a tutte l'ore... contate su de me: io resto dritto in piede a fa da separé
a cavallo der Tevere che, co' la luna, pare che canti 'na canzona corenno verso er mare.
Ecco... er lampione rotto... 'na coppia tutta ardrente sperduta in mezzo all'ombra... e io, vecchio e cadente,
come pe' tanti secoli, da dietro ar parapetto, guardo... sorido... abbozzo... e reggo er moccoletto.

Dicembre, 1937
Un po’ piu forte e graffiante il Belli che in un Sonetto dedicato a "Caster-Zant’ Angelo II" del 6 gennaio 1836 scrive:
“…Una spece laggiù de Ponte mollo
È mollo un c***o, e chi lo vò capillo
Se lo vadi a fa dà tra capa e collo.

Un detto di Roma è anche “ ..Roma cascherà con er ponte Mollo”



Barconi finiti contro ponte Castel Sant' Angelo. I Vigili del Fuoco e rsonale della Protezione Civile sono all'opera per rivuovere i detriti.

2 commenti:

angelica ha detto...

wow!altro che il mare di positano!

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

entrando a Roma col treno, venendo da Napoli si legge sul frontone di un palazzo "Se insisti e resisti, raggiungi e conquisti, mi pare azzeccato al Ponte Mollo che resiste alle piene del Tevere da secoli...