martedì 21 gennaio 2020

2 cuori e un bouquet di Chiara D'Amico



Sarà in onda da giovedi 23 gennaio ore 20.00 su Lira Tv (canale 15) la nuova serie Tv di Chiara D'Amico con protagoniste 8 coppie della costiera (e 5 di Positano).



Il programma Tv racconta storie di vita autentiche in cui l'amore è protagonista. Interverrà anche Al Bano per un omaggio alle coppie. 

Scopri il cast, tutti gli orari Tv e come fare per votare la coppia preferita qui:




Il programma Tv racconta storie di vita autentiche in cui l'amore è protagonista. Interverrà anche Al Bano per un omaggio alle coppie. 

Scopri il cast, tutti gli orari Tv e come fare per votare la coppia preferita qui:

lunedì 20 gennaio 2020

san Sebastiano protettore dei Vigili urbani


PRIMA PARTE 
alcune immagini di vigili urbani   tra Roma e Positano

                                Una trampoliera vestita da vigile per la Festa del pesce
                                Roma: piazza Fontana di Trevi
                                Roma: piazza Venezia

                                I nostri angeli custodi di Positano
                                 Positano ...

II PARTE la messa in onore al santo protettore  SEBASTIANO
nella chiesa di Santa Maria del Rosario a Positano



Alla messa hanno partecipato  la autorità civili e militari di Positano.
Presente Andrea Bonocore , sindaco della confinante Vico Equense con
una rappresentanza del Comuni limitrofo .

Don Giulio ha aperto la cerimonia ricordando la figura di San Sebastiano
martire ucciso dal Potere romano
Lilly Ingenito durante la messa
                                Il com, dei Carabinieri  Rosario Nastro , il maresciallo della
                               Guardia di Finanza Roberto Di Biase , il sindaco di Vico Equense
                               Andrea Bonocoree  Francesco Fusco vice sindaco di Positano

don Ciriaco durante la messa 

La Phamily photo della cerimonia dedicata a san Sebastiano 




                       

venerdì 10 gennaio 2020

MOSTRA IL GIARDINO DELLE MERAVIGLIE




Dipinti e arti applicate dell’artista canadese
GARTH SPEIGHT
VILLA TORLONIA
DEPENDANCE – CASINA DELLE CIVETTE
11 ottobre 2019 - 20 gennaio 2020

A cura di Maria Grazia Massafra e Cesare Nissirio
Cesare Nissirio
L’esposizione sarà inaugurata Venerdì 11 ottobre 2019 alle ore 17,00
Non è ovvio dipingere la natura. Se poi si tratta di materializzare lo spirito del giardino della Casina delle Civette, l’impresa si fa molto interessante e complessa.


Ci ha provato con successo l’artista Garth Speight, da sempre abituato ai paesaggi verdi della sua terra di origine, il Canada. In effetti la sua mostra “Il Giardino delle Meraviglie” risulta essere la mirabile sintesi delle due anime, la sua e quella romana di Villa Torlonia. L’artista non propone solo dipinti ma anche ciò che li racchiude, le cornici che lui crea ad hoc per ogni quadro del quale divengono un tutt’uno.
Ori, argenti, colori del fiori, del cielo, del cuore sono alla base della sua pittura. Ma non solo. La sua arte non è riproduzione ma interpretazione, è un prodotto della mente, della memoria, della sua sbrigliata creatività.



 Non perniente l’Ambasciata del Canada ha concesso con piacere il suo patrocinio alla mostra organizzata da Roma Capitale
e dal Museo Parigino a Roma. L’esposizione, a cura di Maria Grazia Massafra e Cesare Nissirio si avvale della collaborazione dell’Associazione Respiro Verde e della Vicepresidente Cristiana Mancinelli Scotti a cui va la responsabilità di una ricca serie di interventi culturali sul “verde” in omaggio alla mostra.
Garth Speight è nato e cresciuto a Toronto (Canada) dove si è laureato in Belle Arti presso la York University. Da oltre 40 anni vive e lavora tra il Canada e l'Italia, ma ha anche viaggiato estesamente in vari paesi Europei. Nei primi tempi
i n Italia si è dedicato allo studio delle tecniche della pittura medioevale realizzando una serie di opere dedicate alle storie della Bibbia. A questa serie appartiene il quadro “Il sacrificio di Isacco”, che è entrato a far parte della collezione d'Arte Moderna dei Musei Vaticani. Successivamente l'artista ha lavorato a nuove esperienze: dai boschi
russi e canadesi ai piccoli paesi in Italia e nel sud della Francia, dai canali e ponti di Venezia alle rovine di Roma antica, dagli edifici di una Toronto ormai sparita ai tetti e scorci di Parigi e infine alle nature morte. 






Le superfici incise a dare un effetto di rilievo, e il colore che avviluppa le linee quasi geometriche sono gli ingredienti dei suoi quadri, che
con la luce possono apparire come delle vetrate multicolori o intricati mosaici.  L'artista inoltre lavora personalmente alle cornici, in modo che ciascuna sia parte integrante del quadro. Garth Speight ha fatto numerose mostre sia personali che di gruppo in varie città in Italia e in America: Roma, Assisi, Salerno, Toronto, New York, Miami, Los Angeles, Montreal. I suoi quadri sono in collezioni private e pubbliche in Canada, Australia, Africa, Cina, USA e in Europa

E per concludere la manifestazione...


lunedì 6 gennaio 2020

Arriva la befana a Positano


" La Befana sopra i tetti
si sofferma un momentino e nel fumo del camino
tuffa i naso curiosetto.
“Oh! Che odore di capricci,
di dispetti, di bisticci,
qui c’è è pure una bugia.
Presto, presto andiamo via.”
Ecco là una casa nuova,
cerca, cerca ma non trova. “Son spariti i bimbi buoni
or che faccio de mie doni?”
Befanina, befanetta,
cerca ancora, senza fretta, 

solo un cuor che vede e sa può scoprire la bontà."


“… La Befana vien di notte con le calze di lana e le scarpe tutte rotte e lascia doni ai più piccini” . Recita una delle tante filastrocche.



La Befana sopra i tetti
si sofferma un momentino e nel fumo del camino
tuffa i naso curiosetto.
“Oh! Che odore di capricci,
di dispetti, di bisticci,
qui c’è è pure una bugia.
Presto, presto andiamo via.”
Ecco là una casa nuova,
cerca, cerca ma non trova. “Son spariti i bimbi buoni
or che faccio de mie doni?”
Befanina, befanetta,
cerca ancora, senza fretta, solo un cuor che vede e sa può scoprire la bontà.
Elena, 1976






venerdì 3 gennaio 2020

POSITANO 3-genn.2020 E' Paintball

                    Numerosi i fanta-gurrieri che questa mattina  si sono cimentati nel Paintball
                    sulla spiaggia grande di Positano ben protetti da una fitta rete





giovedì 2 gennaio 2020

Pazze Squinternate, Tombolata



Venerdì 3 gennaiograzie all’estro delle Pazze Squinternate, organizzatori delle ultime edizioni della “Caccia al tesoro”, e dei Giovani Positanesi, alle ore 18:00, ci sarà una Tombolata di Beneficenza presso la Piazza dei Racconti. 



      

mercoledì 1 gennaio 2020

Arriva il 2020.

POSITANO  1 GENNAIO 2020

vaffancolo 2019
                              ... ed ecco che di buon mattino ci vien dato l'augurio dell' anno                                                                 nuovo dal gruppo folk poggerolese con canti popolari e putipù, 
                                 caccavelle, piatti e tamburelli 








lunedì 30 dicembre 2019

Testimonianze figurative tra Ottocento e Novecento



Oggi pomeriggio nella Sala Consigliare del Comune  in occasione della presentazione del suo nuovo libro la dott.ssa  Matilde Romito ha ricevuto una targa dal sindaco Michele De Lucia  De Lucia. All avvenimento presenti anche il vice Sindaco Francesco Fusco, l'ass. Giuseppe Guida e il cons. Nino Di Leva , Nella sala nonostante il vento e il freddo c'è stata una grande affluenza.



                  Positano “Dove le onde e le montagne si incontrano”


Testimonianze figurative tra Ottocento e Novecento




INDICE    


Perché Positano III ?

"Where the waves and mountains meet": l'Archivio Smithsonian

Positano "troppo bella per essere vera”: Sidonie-Gabrielle Colette

Per grazia ricevuta: gli ex voto della Chiesa Madre

Pannelli ceramici: la Madonna di Positano

Le belle case antiche di Positano

Edward Lear: un pedagogo inglese a Positano nel 1844

Pittori italiani tra metà Ottocento e inizi Novecento: Pescatore di Positano, Francesco Mancini, Giuseppe De Sanctis, Vincenzo Migliaro, Carmine Ciardiello, Giovanni Battista, Mario Maresca, Oscar Ricciardi, Arturo Noci

Stampe di Positano nella seconda metà dell'Ottocento

Vincenzo Caprile: l'immagine di Positano nel mondo a fine Ottocento

Paul Kaemmerer: i bambini di Positano nell'ultimo anno dell'Ottocento

Gli svedesi tra gli anni Dieci e Venti: Carl Palme, Acke Hallgren, Isaac Hirsche Grünewald, Sture Lundberg, Evald Knut Kallstenius, Axel Wallert

Arnold Rönnebeck: una Positano più verticale che mai

La magica triade: Adolf Erbslöh, Carl Mense, Richard Seewald

Anita Rée: la pittrice tedesca che parlava con i positanesi

Leo Gestel: oltre 60 immagini di Positano in cinque mesi

Ludwig Gottfried Schmidbauer, Victor Surbek, Hans Stocker, Niklaus Stoecklin, Otto Morach: artisti svizzeri a Positano

Max Hermann Pechstein: "L'arte non è un passatempo"

Annot e Rudolf Jacobi: pittori pacifisti a Positano nel 1923-'26

Louis I. Kahn: il famoso architetto che disegnò Positano 90 anni fa

Il primo trentennio del Novecento:

I tedeschi Gottlieb Gottfried Klemm, Hertha Spielberg, Karl Zerbe, Josef Bell, Karl Holtz, Ewald Matarè, Herbert Fiedler, Wilhelm Guntermann, Franz Helmut Becker, Max Schwimmer, Ulrich Neujahr, Greta Lippl-Heinsen, Adolf Hartmann

Gli austriaci Oskar Laske e Ludwig Heinrich Jungnickel

Gli ungheresi Deli Antal e Mihály Erdélyi

Gli olandesi Paul Determeyer, Jo Koster, Dirk Filarski, Wim Schuhmacher, Mauritius Cornelius Escher

I russi Giovanni Zagoruiko e Dimitri Bouchene

Il belga Walter Ophey, il danese Tegner Rudolph Christopher, il polacco Oskar Gawell, l'inglese Bertram Nicholls, l'americano Victor Surbek (1885–1975) was a Swiss painter from Berne .Gordon Hansen, il brasiliano Hugo Adami

La Positano di Oskar Brάzda: la felicità del colore

Ugo Matania: una famiglia di artisti

Paula Bärenfänger: Positano vista da una angolazione "diversa"

Ettore Pignone del Carretto: una importante collezione privata

Gioacchino Parlato: ricordi di famiglia e non solo

La Collezione di Eva Cinque Trivellini

La Collezione della Famiglia Palermo

Giovanni Lomi: un baritono livornese a Positano

Positano nella ceramica di Luigi Anelli

Pittori degli anni Quaranta-Cinquanta: Grethe Jürgens, John Paddy Carstairs, Werner Augustiner, P. Tosti, Federico De Rinaldi, Edmond Casarella, Peter Bach, Teichfischer, Roberto Pane
Artisti del nord Europa tra fine anni Quaranta e i primi anni Cinquanta: gli svedesi Eric Nordlöw, Joann Sven e Lennart Rohde, i danesi Jørn Larsen, Carl Budtz Moller ed Egon Svarrer, il finlandese Grigor Auer, il norvegese Johannes Rian
Positano nell'"obiettivo" di Ernst Haas
Positano nelle raccolte dell’EPT di Salerno

Nina Batalli: una pittrice tra Italia e Romania

Arturo Bacio Terracina e Mario Cortiello: due napoletani innamorati di Positano

Edward Bainbridge Copnall: un artista sudafricano a Positano

Jehangir Sabavala: Positano nella tradizione modernista indiana

William Grosvenor Congdon: Positano fra le tappe di una continua crescita spirituale

Olga e Meitje Bontjes van Beek: a Positano per dimenticare gli orrori nazisti

In memoria di Michele Theile: Casa mia e Notte di luna del 1955

Sigmund Pollitzer: un artista inglese fra Positano e Venezia

L'Art Workshop di Edna Lewis e la Casa Orfeo di Wilhelm Kempff

I tedeschi tra gli anni Cinquanta e Sessanta: Franz Gerwin, Gerda Voith von Voithenberg, Paul Ehrhardt, Franz Rudolf Wanka, Else Schnabel

Max Peiffer Watenphul and Italy: A Matter of the Heart


Gli anni Sessanta-Settanta: Winthrop Neilson, Wolfgang Breitling, John Kiraly, Marga Scott-Williams, Hugo Walleitner, K. Biggi, Keith Wilson, Eva Bilinski, Marco Richterich, Annamaria Rossi-Zen, Eugenio Magno, Randy Sprout

Felice Vellan ed Enrico Paulucci: un torinese e un genovese  a Positano

"Verliebt in Positano": il diario di Gigi Martin

Gli anni Ottanta-Novanta: Norbert Tadeusz, Ted Sherwen, Daniel Izzard, John Ward Stanton, Russ Elliott, Malcolm Baroway, Alexander  Mackenzie

Positano, l'innocenza e il peccato (Paolo Guzzanti, 1985) 

Un giovanissimo israeliano: Koby Feldmos e una Positano "puntinata"


Didascalie delle immagini


Ringraziamenti



Perché Positano III ?

L'affascinante titolo è quello di una fotografia stereoscopica di Positano del 1905 dell’azienda americana di fotografie Underwood & Underwood, nata nel 1881 e chiusa nel 1940.

Per l'immagine di copertina ho voluto scegliere un quadro dove fosse evidente questo "incontro" fra le onde e le montagne, scelta caduta su una delle pittrici più care ai positanesi e che tanto ha dato a questo paese, View onto the Watchtower  di Anita Rée.

. Felgenkaktus- il cactus di Anita Ree

La ricerca si è ampliata in uno studio teso a inquadrare la storia artistica di Positano nel corso dell’Ottocento e del Novecento, introducendo nuovi ambiti di indagine, dagli Ex voto della Chiesa Madre ad inediti Pannelli ceramici con la Madonna di Positano, ad artisti particolari per la storia di Positano come Ettore Pignone del Carretto e Gioacchino Parlato.

Molti si chiederanno della scarsa, o meglio ridotta, presenza di pittori italiani rispetto agli stranieri: in realtà lo scopo è soprattutto di verificare come vedevano questo lembo di paradiso artisti provenienti da terre fredde, spesso con lande piatte e poco rigogliose, non abituati a "salti" di scogliere irte nel mare, case a cubetti addossate le une alle altre, vie a scale che attraversano il paese verticale in tutte le direzioni, diramandosi per ogni dove, a creare un reticolo infinito di collegamenti. Gli artisti italiani propendevano per le vedute classiche che non solo erano di più facile vendita, ma improntavano le raffigurazioni con quella nota oleografica che attirava un pubblico ampio di stranieri, ma anche di italiani.

Ancora una volta il "pezzo forte" è la ricca sequenza di quadri apparsi nelle aste internazionali (europee, americane e orientali) dall’Ottocento ai giorni nostri e opere da collezioni private o conservate in musei e raccolte europei e americani, a conferma della internazionalità dell’immagine di Positano nel mondo. Tornano così vari artisti già esaminati dei quali è stato possibile conoscere nuovi dipinti; si sono esaminati anche gli elementi biografici non presenti in Positano I o Positano II, laddove chiarivano e sfaccettavano la relativa produzione positanese. L'esempio più forte è rappresentato dalla pittrice di Amburgo Anita Rée, con elementi importanti della sua parentesi positanese: veramente si resta colpiti dalla formidabile produzione di questa sfortunata artista che probabilmente visse a Positano uno dei periodi più felici della sua vita. Positano a sua volta le regalò una ispirazione che colpì profondamente nelle successive mostre in Germania quando espose i relativi quadri.

Semplicemente straordinaria poi la Collezione Piet Boendermaker che ci rassegna ben 48 nuove opere dell’olandese Leo Gestel, a Positano da giugno a novembre del 1924, ritrovate digitalmente nel Rijksbureau voor Kunsthistorische Documentatie, Istituto olandese di storia dell’arte a L'Aia, un grande centro di documentazione della storia dell'arte, non solo olandese. Di Gestel erano già state pubblicate 16 opere nei due volumi sulla pittura di Positano. Si è felici di aderire al programma di diffusione dei pittori olandesi dell'Istituto.

Ma il numero maggiore di opere per artista questa volta viene dalla disponibilità dei discendenti di Paula Barenfenger, della quale ho potuto sia chiarire aspetti e cronologie della  vita che ampliare la conoscenza della sua opera, costretta a scegliere fra ben 595 dipinti !!!

Chiude l'Ottocento e apre il nuovo secolo Vincenzo Caprile, sempre innamorato di Positano.

E poi Walter Ophey e Carl Palme. E se di Walter Ophey la Deutsche Digitale Bibliothek e il Museum Kunstpalast a Düsseldorf restituiscono due belle immagini del 1910, lo svedese Carl Palme viene fuori con un cospicuo numero di opere su Positano, soprattutto del 1914-'15, alcune reperite sulla affascinante rivista liberty “IDUN” del 17 ottobre 1915.

pescatori positanesi di Craemer. (collezione privata)

La triade del 1923-'24, Adolf Erbslöh, Carl Mense e Richard Seewald, con nuove opere,  sottolinea come gli anni Venti siano stati anni fervidissimi per l'immagine di Positano, che esplode nell’immaginario artistico europeo proprio negli anni Venti – inizio Trenta, il periodo certo più ricco e fervido che la vide primeggiare sulle riviste e nelle mostre europee: per questo Kurt Craemer dice che non vi era mostra in Germania a metà degli anni Venti dove non vi fossero opere riferite al paesaggio di Positano. Ancora: un magnifico acquerello con la vista sulla chiesa del Rosario e i resti del mulino, in collezione privata a Positano, va forse attribuito ad Adolf Erbslöh, non essendo chiarissima la firma; dunque siamo sempre nel 1923-’24. A questi anni risale anche un quadro di Carlo Mense, trasmessomi dalla nipote Elisabeth Baske, un acquerello e gouache splendido, in famiglia da sempre.

Quattro anni prima, alla Biennale di Venezia del 1920 lo svedese Acke Hallgren e il romano Arturo Noci presentano nei loro quadri una Positano non posteriore a quell’anno.

Il 1925 vede altri tre artisti straordinari: Otto Morach con le sue "Positano" II e III, Niklaus Stoecklin con il quadro esposto nel Kunstmuseum di Basilea, e Max Hermann Pechstein, l'espressionista inserito nell'elenco dei pittori della entartete Kunst  "l'arte degenerata" del 1937.

Il numero di tedeschi appare sempre preponderante. L'Italia è stata un'esperienza obbligata per ogni artista tedesco nel diciannovesimo secolo. Era il regno in cui incontrare l'antichità classica, l'arte del Rinascimento e del Barocco. Nel diciannovesimo secolo, giovani artisti fecero pellegrinaggi in Italia per allenarsi ai sublimi esempi delle grandi figure del passato. Al contrario, per gli artisti tedeschi del XX secolo, le scelte proprie dell'artista hanno rivelato il paese e la sua cultura. Coloro che hanno viaggiato dalla Germania all'Italia nel XX secolo - e, in particolare, all'inizio del secolo - spesso seguivano ancora il canone accademico, ascoltando il dovere del giovane artista di realizzare il "Grand Tour", il viaggio educativo. Forse era ancora chiaro a quei viaggiatori di trovarsi nella tradizione di quegli artisti e storici tedeschi che avevano unito le loro biografie all'Italia, i suoi paesaggi artistici e le sue grandi città. Oltre ad essere una tradizione accademica per gli artisti del Romanticismo, l'Italia è stata la confutazione del triste clima e dell'umore tedesco, ma anche un mondo opposto, con atmosfera e ampi paesaggi, con luce e sole. Soprattutto gli artisti tedeschi che hanno viaggiato in Italia nel XX secolo sono stati quelli alla ricerca del "Sud" e gli stimoli che ha fornito, luce e colore dalla realtà per l'uso in pittura.  I pittori tedeschi, a differenza degli artisti francesi, ad esempio, non avevano un Sud nel proprio paese, il Sud che aveva reso possibile tali opere categoricamente differenti. Inoltre, il trasferimento del potere ai nazionalsocialisti aveva radicalmente modificato la situazione artistica in Germania. Questi individualisti e solitari speravano di continuare a lavorare, e sopravvivere alle confusioni politiche dell'epoca incolumi in Italia. Il viaggio è stato un elisir di vita e la base della vita professionale per questi pittori che hanno dipinto l'atmosfera e la luce, la natura e il paesaggio, e l'esperienza dello spazio e della distanza prospettica nel loro lavoro.

Intanto salgono alla ribalta nuovi nomi, dal tedesco Paul Kaemmerer, nel 1899, ad Herbert Fiedler a Dimitri Bouchene, da Ugo Matania a Giovanni Lomi, dall’americano John Paddy Carstairs all'austriaco Werner Augustiner  all’indiano Jehangir Sabavala alla rumena Nina Batalli al sudafricano Edward Bainbridge Copnall a Roberto Pane; una sequenza che inizia con l’inglese Edward Lear a Positano nel giugno del 1844.

Un altro nuovo artista è Franz Helmut Becker che tra il 1924 e il 1931 ci offre una decina di opere in varie tecniche, olio, tempera, acquerello, pastello, tecnica mista, e ancora nel 1938. E’ uno della “Saarländischer Künstler“ (gli artisti della Saar). Il Saarländischer Künstlerbund è stato fondato nel 1922 a Saarbrücken, diventando così la più antica associazione di artisti nel Saarland. In contrasto con gruppi di artisti che si uniscono sotto la bandiera di un programma pittorico, la federazione artistica si tenne aperta a tutte le varietà e agli stili d'arte, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia all'architettura alla musica.

Nuove opere vengono ancora dal conosciuto Rudolf Jacobi ma anche dalla moglie Annot, una coppia estremamente interessante vissuta a Positano e sulla costiera amalfitana fra il 1923 e il 1926.Espandi

Comprimi

Louis Kahn, nel suo primo viaggio in Italia del 1928-'29, incontrerà la bellissima costiera; tornerà nel 1950. E ritornano Giovanni Zagoruiko, Arturo Bacio Terracina, Mario Cortiello, Enrico Paulucci, Felice Vellan.

Da Olga e Meitje Bontjes van Beek, madre e figlia che a Positano cercano di dimenticare gli orrori nazisti a William Grosvenor Congdon, in una continua ascesa spirituale dopo aver visto una Bergen Belsen liberata sì ma carica di angoscia, questa terza puntata sulla pittura di Positano non poteva non contenere un ricordo di Michele Theile, indimenticabile nel suo affetto per Positano e nei suoi quadri.  A Matter of the Heart, come nel rapporto di Max Peiffer Watenphul con Positano.

Ho voluto mettere a confronto, per una concomitanza di epoca, l'Art Workshop di Edna Lewis con la Casa Orfeo di Wilhelm Kempff, partendo dal Bauhaus di Johannes Itten e Gertrud Grunow; ritagli di giornali, insegnanti, alunni nella nuova temperie degli anni Cinquanta-Sessanta, nella terra che consentiva di vedere Pompei come Paestum, Napoli come Li Galli.

Avrei voluto arricchire la ricerca anche attraverso altri tipi di testimonianze, che mi sembrano assai interessanti per ricostruire la storia artistica di Positano: i Libri degli ospiti di alcuni alberghi o case private frequentate dagli artisti stranieri, ma trattandosi di libri preziosi e delicati ho compreso la riluttanza a prestare tali volumi per uno studio approfondito. In alcune pagine appena sfogliate, del 1885, ebbi modo già di verificare il nome di Francis Marion Crawford che alloggiava alla Pension du Paradis (ne parla nel 1894, mal giudicandolo) e passò al Margherita e ancora Zeno Diemer (libro 1903).

Alcune immagini del diario di Gigi Martin (1960) e i pittori degli anni Settanta-Novanta costituiscono altri settori di documentazione per la seconda metà del Novecento.

Come per il volume “Vieni qui, il paese è una fiaba”, l'arco cronologico dunque non è variato perché la nuova documentazione afferisce comunque ancora a tutto il Novecento, partendo anzi dagli anni Quaranta dell'Ottocento.


La lettura della pittura a Positano è dunque fenomeno complesso e affascinante e va riaggiornato proprio con prosiegui di indagine, sempre fruttuosissimi, perché, come scriveva la celebre scrittrice francese Gabrielle Colette Sidonie alla madre nel novembre del 1910 “Mia cara mamma, noi facciamo colazione a Positano, in un paese troppo bello per credere che sia vero”. E il giorno dopo: “Io sono arrivata e sono rimasta abbagliata”.