venerdì 17 febbraio 2017

Vicenda Safari e affondamento Salemi e Valsavoia

                                                  Vedi anche il post precedente
                                http://positanomylife.blogspot.it/search?q=safari
                          Un gozzo di quegli anni. Sullo sfondo i faraglioni di Positano Mamma e Figlio.
                               Seduto a Prua Pietro Pane che pur ragazzino si imbarco su una barca assieme
                               a tantissimi pescatori e marinai positanesi per soccorrere i naufraghi , nonostante
                               dal Safari sparavano verso i naufraghi

Il 2 febbraio del 1943 il sottomarino inglese Safari, capitanato dal famigerato e pluridecorato comandante Ben Briant, navigava in immersione nelle nostre acque a caccia di prede nemiche da affondare.

Intercettato un convoglio  davanti a Positano, composto dal Salemi e dal Val Savoia,  lanciò i primi siluri sul convoglio.   Il Valsavoia fu il primo ad essere colpito e affondato in poco tempo. Il Salemi fu affondato a colpi del cannoncino prodiero. I due vapori  erano diretti a Palermo carichi di cemento, cereali, paglia e fieno. Attualmente i relitti giacciono rispettivamente 103 e 88 mt. di profondità. 
 
Pochi anni fa i sommozzatori di DWELLER capitanati da Stefano Ruia hanno raggiunto il ponte del Valsavoia  ( già Rosolino Orlando ) ed hanno recuperato la sua campana.

                                         Il documento scritto dopo l'operazione di recupero
                                          dei sommozzatori.
“Tutto cominciò il 2 febbraio 1943 e tutto terminò in una manciata di minuti intorno alle ore 14.00. Due mercantili, la Valsavoia e la Salemi, uscirono dal golfo di Napoli dirette a sud, ma furono intercettate da un sommergibile inglese appostato attorno a Li Galli. Safari era il nome di questo sommergibile ed era comandato da Ben Bryant.
La Valsavoia fu centrata in piena poppa da un siluro affondando in brevissimo tempo, mentre un secondo siluro indirizzato alla Salemi mancò il bersaglio andando ad esplodere contro i faraglioni “Mamma e Figlio” facendoli saltare in aria.
In emersione rapida il Safari cannoneggiò il Salemi sotto la linea di galleggiamento e tanto bastò a farlo capovolgere ed affondare in breve tempo. Il Valsavoia è adagiato a 92m mentre il Salemi è a circa 114m. Non credo che qualcuno sia mai sceso sul Salemi mentre sul Valsavoia sono scesi certamente Ugo Birk, corallaro di Napoli, e Gianluigi Giusti, corallaro e profondista di Ferrara.
Roberto Carrani ed il sottoscritto siamo scesi con l’appoggio di Pasqualone ed abbiamo fatto delle immersioni che contribuiscano a dare alla vita un sapore particolare. Abbiamo sempre usato aria compressa e seguito scrupolosamente le tabelle di decompressione della US Navy. Il comandante Ben Bryant credo sia passato a miglior vita nel suo letto e di recente (anni Novanta). In una delle immersioni abbiamo recuperato questa campana.
Roberto Carrani;   Renato Giammarruto
 
quel che rimane del faraglione "Mamma"
In quell' azione di guerra un siluro del Safari sbagliò bersaglio e " affondò " i due faraglioni, a poca distanza dalla torre Clavel sulla spiaggia di Fornillo denominati dalla popolazione Mamma e Figlio .  Sullo scoglio Mamma qualche anno prima fu applicata una ceramica raffigurante la Madonna e il Bambin Gesù, affinché proteggesse Positano.
Un immenso grazie a Giuseppe Merolla che ha arricchito le mie conoscenza su questa tragica vicenda dell' ultima guerra.  Vi ricordo che mi sono occupato altre volte di questa vicenda leggibili su
 http://positanomylife.blogspot.it/search?q=safari
 

 

Nessun commento: