mercoledì 8 dicembre 2021

Peppe Barra in concerto a Positano

 Beppe Barra in concerto a Positano nella Chiesa Madre, con 'Nataliza' e 'La cantata dei pastori'








domenica 5 dicembre 2021

Natale a Positano: gli eventi dal 5 al 12 dicembre



5 dicembre 18:30 accensione degli alberi di Natale a Positano, Montepertuso e Nocelle, in diretta streaming su Facebook.


7 dicembre nella Chiesa madre alle 19 PEPPE BARRA ci allieterà con la sua Cantata dei Pastori.

8 dicembre alle 19 nella Chiesa Madre, ci sarà i Concerti di Natale: Incanto di Natale a cura dell'associazione Positalta.

10 dicembre alle 19 nell'oratorio della Chiesa Madre si svolgerà l'XI edizione Luci per l'Africa e pesca di beneficenza. 
A seguire, sul sagrato della Chiesa Madre, ci sarà un'esibizione di Nello Buongiorno.

11 e 12 dicembre alla Spiaggia Grande dalle 11 alle 16: Volo di Natale in mongolfiera, a cura dell'associazione Vivere Paestum.
immagine Exploring Umbria

11 dicembre alle 16 in diretta streaming ci sarà la tombola delle Famiglie, a cura della Croce Rossa.

12 dicembre alle 19 nella Chiesa Madre ci sarà Il Teatro del Natale: "Notte Santa D'Amore" con Giovanni Mauriello.



sabato 4 dicembre 2021

Santa Barbara

 Oggi è Santa Barbara, protettrice dei marinai e vigili del fuoco. 





venerdì 3 dicembre 2021

un ricordo al caro Pietro Fusco

                            un ricordo a Pietro Fusco, giovanissimo artista scomparso prematuramente
                                       componeva quadri pixelando le immagini ..
                                   Vedi post precedente    https://positanomylife.blogspot.com/search?q=pietro+fusco

                                

Ciao Pietro ...con affetto
 

giovedì 2 dicembre 2021

Il racconto di Natale di Giuseppe Rispoli "O presepe 'e Furnillo"

Buon Natale a tutti gli amici.

Un estratto dal racconto di Giuseppe Rispoli scritto per questo Natale 2021. Sarà raccontato il 24 per l’inaugurazione del Presepe di Fornillo.

Leggendo il racconto sul "libretto" per il calendario dell'Avvento ho avuto l'idea di corredarlo con alcune foto d'archivio del presepe di Fornillo.


Giuseppe Rispoli racconta o' presepe e' Furnillo

'O presepe ' e Furnillo.
Tantu tiempe fa, int'a' nu paese vasate d'o sole e d'o mare, era il 24 dicembre e come in ogni paese del napoletano tutti erano impegnati a preparare la cena della vigilia di Natale . ( G. Rispoli)

Faceve fridde, ma nu fridde che nun putite capì e tuttequante na vota trasute int'a casa nun asceve cchiù. 

Ognuno si dedicava al suo compito. Chi appicciave 'o fuoche, chi steve in cucina appriparà a robbe 'a mangià, chi faceva gli ultimi ritocchi al presepe dove ovviamente mancava ancora per poco il protagonista, Gesù Bambino che tutti aspettavano con trepidazione chella notte.

P'appriparà a Cena 'e Natale ci voleva una grande arte. Tutte squisitezzea base di pesce e il capitone, il principe della tavola, nun sempe era presente perchè dipendeva anche dai gusti. A chi piaceva e a chi no ma comunque tutti piatti rispetteranno quella tradizione che voleva la sera della vigilia un menù di pesce. 
I Gambardella tornano dalla pesca


[...]

Ce steve na criatura Beatrice che ce piaceve troppe assaie 'o presepe e nun vereve l'ora che arrivasse Natale pe' ghji a verè chillu belle presepe cu tutte 'e pastore che se faceve sotte a chella grotta d' 'o paese.
Era troppe avveluta e ogni tante s'affacciave a feneste pe' verè si scasualmente appariva chillu presepe desiderate.

Giuseppe racconta che c'era un pastore con tante pecore, che nella notte della Vigilia sparirono, attirate dalla voce della bambina, si trasformarono in pastori. C'erano tutti tranne Benino...

Ma ce mancave Benino 'o pastore che dorme... e nduvinate chi 'o facette? 'O vere pastore, che arrivate annanze a chella grotta, doppe che aveve girate ogni angolo do' paese pe' truà il suo gregge, rumanette cu' a vocca aperta  a verè le sue pecore.. e pur'isse patapuffete piglia e s'addurmette int' 'a chillu presepe.
Benino, nei presepi napoletani è immancabile
E vuie sapite pecchè Benino dorme? Pecchè rappresenta i pastori dormienti a cui gli angeli delle Sacre Scritture comunicarono la buona novella. Nella tradizione napoletana Benino rappresenta il pastore che dorme e sogna il presepe. Quindi il presepe stesso è un sogno di Benino, per cui se venisse svegliato sparirebbe il Presepe. 
 [...]

Quanno nascette ninno a Betlemme...Era notte e pareva miziorne... Maie le stelle lustre e belle se verettere accussì... 'a cchiù lucente jette a chiammà li Magi all'Oriente...
(Giuseppe Rispoli)


Gli auguri del Sindaco di Positano Giuseppe Guida 
"Che la Magia del Natale possa rimanere sempre nei vostri cuori per realizzare ogni vostro desiderio. Buon Natale" 







martedì 30 novembre 2021

Il Pazzariello

 


                                   Antonio Niola 
                                 Terracciano


Il Pazzariello. è un “ artista di strada” eè una maschera moderna  che strimella e dice battutacce e s racconta storie improbabili. E’ un modo d’arrangiarsi per racimolare qualcosa di soldi e divertire grandi e piccini. Si incontrano delle feste popolari spcialmente nel sud ‘Italia , maanche nelle grandi città.  Alcuni molto bravi  hanno con se un gruppo  di musicisti e spalle che gli accompagnano è Per loro è un vero mestiere tipo Pasquale  Teracciano scomparso da poco e   Antonio Niola  con  il re del pernacchio Luis Liberti 

                                                  Ostia non Identificato

Pasquale Terracciano 




                                 



lunedì 29 novembre 2021

Positano: aggiornamenti sulla nuova Giunta comunale

Dopo il consiglio comunale di questa mattina il sindaco ha comunicato la nomina ad assessora esterna  alla signora Anna Celentano con deleghe al PNRR e ai finanziamenti europei, servizi al cittadino e relazioni pubbliche, politiche di tutela e benessere degli animali. 

Antonino di Leva sarà Consigliere mantenendo le stesse deleghe. 


Così il Sindaco Giuseppe Guida in un post sui social:

"Nella mattinata odierna ho voluto aprire i lavori del Consiglio Comunale con un preciso intervento in merito alla sentenza pronunciata dal Tar Salerno che annulla il decreto con il quale avevo nominato la Giunta. Una Giunta in cui si era data priorità al voto popolare e alla volontà espressa dai cittadini nominando assessori i Consiglieri più votati, nel rispetto del principio di valore assoluto, quale quello di democrazia e rappresentatività del popolo condiviso da tutto il gruppo.

In ottemperanza al dispositivo, si è proceduto alla nomina di una nuova Giunta. Una risposta celere e immediata a chi ha pensato di strumentalizzare un argomento così delicato ed importante come quello della parità di genere con una politica aggressiva e cavillosa fatta di attacchi e offese personali, prive di contenuti oltre che di idee, trasformandola in un mero pretesto per dare vita ad una battaglia politica che non ha fatto altro che screditare a mo’ di boomerang quello che credevano invece di trarne un tornaconto politico.

Ho nominato nuovo Assessore la Sig.ra Anna Celentano, affidandole deleghe attuali ed importanti inerenti il Piano Nazionale per la Ripartenza e Resilienza (il PNRR), i servizi al cittadino e le relazioni al pubblico, le politiche di tutela e benessere degli animali. A Lei vanno i miei migliori auguri e di tutta l’Amministrazione per questo nuovo incarico di grande responsabilità. All’Assessore Antonino Di Leva va tutta la mia stima per il suo operato svolto in tutti questi anni, durante i quali abbiamo lavorato fiano a fianco, con grande entusiasmo e voglia di metterci al servizio del nostro paese. Si è sempre distinto e speso in prima persona per l’intera comunità, con particolare attenzione ai bambini, ai giovani e agli anziani. Deleghe che da Consigliere continuerà a seguire con medesimo impegno e determinazione come ha sempre fatto e dimostrato dal 2010 ad oggi. L’Alba della Libertà, prima ancora di porsi come un gruppo politico, è una Grande Famiglia di cui mi onoro di farne parte, dove non contano le cariche o le poltrone, ma solo ed esclusivamente lavorare quotidianamente con fermezza e passione per il bene della nostra Positano.
Siamo fieri di essere lontani anni luce e diversi da questo modo di interpretare una politica antica e superata. Ed è proprio per questo che da tre tornate elettorali non ci è mai venuta a mancare la fiducia e la stima del popolo positanese."

sabato 30 ottobre 2021

2 novembre: un ricordo agli artisti stranieri sepolti a Positano.

A Stefan Andres, scrittore, Positano ha dedicato la strada che porta al cimitero.

 Alcuni degli artisti stranieri sepolti nel cimitero di Positano.


Paula Barefanger

Essad Bey

Kurt Craemer

Massine, danzatore

Semenoff
Zagoruiko

Bruno Marquardt, pittore

Michele Theile

Dopo aver letto il mio post, mi segnalano che il cimitero di Positano ospita anche Edna Lewis, Trudy Frank, Ettore Pignone del Carretto, Wilhelm Kempff.